venerdì 31 agosto 2012

Racalmuto non ci sta!


Ormai è un movimento popolare vero e proprio. Racalmuto non vuole soccombere e si adopera, in tutti i modi, per evitare che ciò avvenga. Troppe le tasse che gravano sui cittadini e troppe le tensioni, le preoccupazioni per un futuro che ancora appare nebuloso. Numerose le iniziative in paese; i vari schieramenti politici, attraverso i loro rappresentanti, chiedono che le aliquote vengano abbassate e che si apra la strada al dialogo. Le associazioni salinai e zolfatai, combattenti e pensionati, muovono verso il Comune con l’intento di far sentire le loro ragioni. In rete, nei vari siti, viene condiviso ciò che, su queste pagine, abbiamo scritto in precedenti articoli: l’attenzione è rivolta alle fasce deboli, anziani con reddito insufficiente, a loro vengono rivolte le nostre maggiori preoccupazioni. Altro aspetto da non trascurare, la verifica da parte dell’amministrazione comunale sul rispetto contrattuale da parte dell’ ATO. Siamo certi che il buon senso possa portare tutti sul piano di un dialogo fattivo. A tal proposito, forti anche di numerose proposte ricevute, chiediamo ai Commissari di indire un’assemblea cittadina ove si possa discutere del problema delle aliquote e possano ricevere, i cittadini racalmutesi, tutte le notizie relative alla questione, specificando le motivazioni che hanno portato ad un aumento così significativo. Si possano, in tale occasione, individuare dei rappresentanti cittadini, appartenenti a varie categorie, che facendosi portavoce del volere popolare, abbiano contatti diretti con i Commissari. Confidiamo che tali proposte vengano accolte per arrivare, al più presto, ad una ragionevole soluzione che tenga conto delle esigenze di tutti. 

Racalmutese Fiero
Stampa il post

8 commenti:

  1. Finalmente una proposta seria

    RispondiElimina
  2. Molti stanno gia' approfittando del problema spazzatura. Almeno questo blog non parla da politico

    RispondiElimina
  3. Io spero che veramente i commissari possano far tesoro di quanto proposto qui

    RispondiElimina
  4. Chi ha il potere di farlo, vada a vedere cosa e' successo al comune prima dell'arrivo della commissione. Non capisco perche' ancora non si fa. Si troverebbero le risposte a molte domande, sulla spazzatura e non solo

    RispondiElimina
  5. La Campagna Elettorale a Racalmuto è gia INIZIATA,tutti pronti a farsi prendere in giro.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Anonimo,vorresti dire che i 2000 firmatari della petizione sono stati presi per il C.....Lo,dai signor politici,come qualcuno che cambia bandiera da dove soffia il vento.Si dovrebbe vergognare prendere in giro la gente usando il web,ho CHI A costituendo COMITATI CITTADINI,CARI COMPAESANI APRITE ORECCHI E OCCHI,NON FACCIAMOCI INFINOCCHIARE ANCORA UNA VOLTA

      Elimina
  6. Parolieri, cantastorie, parolieri, giornalisti, politicanti ed alchimisti tutti quanti a giudicare se la munnizza sa dà pagare. tutti qaunti EVASIVI ed attenti a non parlare di eventuali EVASORI. Sto fatto mi fa sospettare. Se mi sbaglio e non ce sta 'mbroglio io la testa me ce la taglio. Nella patria degli EVASORI, dei truffaldini e paraculi a Racalmuto va er primato che nessuno a mai evaso?
    C'ho n'amico ar comune che m'ha chiamato: Compà a tia e a te solo ti lascio fuori dal ruolo, però mutu tu e mutu iu duna stu votu a st'amicu miu.
    sti cazzi, ho penzato, sono stato fortunato. Ora spero in cor mio che non si scopra se no so cazzi per me e l'amico mio.
    A fierooooo!!! te saluta
    Er Monnezza

    RispondiElimina
  7. Amico degli amici31 agosto 2012 21:03

    La mafia dei latifondi,la mafia della politica, la mafia delle miniere, la mafia delle finanze, la mafia dei mulini, la mafia dei macelli, la mafia dell'ortofrutta, per ultimo le ecomafie e la mafia dell'energia rinnovabile.
    Dove ci sono patrimoni da gestire c'è Lei. ma si chiama ancora mafia?
    O ipatrimoni si gestiscono con l'antimafia? e se c'è un patrimonio come l'eredità dello zio buonanima, Lu Zi Nanà, la mafia o l'antimafia sono interessati? Chissa se un giorno parleremo di mafialetteraria?

    RispondiElimina