giovedì 9 agosto 2012

ROBERTO, MIO ROBERTO

Blaise Pascal, antagonista di Voltaire
La polemica, come dal cozzare di pietre durissime, sprizza scintille, volterriane scintille, e una di queste, nel buio della notte, schizzata fuori dal post di Roberto Salvo, fa intravvedere frenetiche attività: “spartirsi le cariche, governare beni, servizi e istituzioni a tavolino, come se fossero cosa loro, lo chiamano: “’La chiave’”.  
Ma con chi ce l’ha Roberto Salvo?, mi sono chiesto, quando d’un tratto mi è venuto un dubbio: è di te che parla la favola. Mi sono ricordato del post di Sergio Scimè intitolato “La chiave” dove annunciava cariche per tutti: “A1 (giornalista) e A2 (giornalista scrittore) potrebbero portare una ventata di ossigeno all'esistente c.d.a. della Fondazione Sciascia e creare un organismo nuovo, dentro la Fondazione, che rappresenti i giovani. Nel consiglio di amministrazione del Teatro: A3 (poeta),  A4 (presidente Pro loco), A5 (saggista), A6 (presidente ARCI), A7 (Attrice amatoriale impegnata nel sociale) . A8 (pittore) e A9 (scultore) potrebbero occuparsi della direzione artistica del Castello, con A10 che in solitudine, in questi anni, è riuscito a dare colore e vita alle stanze chiaramontane”. A3 sarei io, e ringrazio per l’alloro poetico (anche se non poetico, l’alloro possiede ben note virtù medicinali che consiglio a tutti; ); lo prendo come augurio.
Ho di proposito indicato lettere numerate e non nomi per significare che nessuno è indispensabile: si devono seguire i criteri oggettivi e validi per tutti, non le ambizioni, i nomi sono secondari se al servizio di un’idea.
Quando lessi l’organigramma di Sergio Scimè mi è sembrato l’annuncio della formazione di una squadra di calcio, tuttavia lo reputai giusto nelle intenzioni (individuare persone ritenute idonee e corrette per affidare loro determinati incarichi), ma sbagliato nella forma (non bisognava preventivamente contattare queste persone, avanzare la proposta e ricevere la loro disponibilità, e solo dopo rendere pubblici i nomi? Invece è come avere letto sulla bacheca della chiesa le pubblicazioni del proprio matrimonio senza che l’interessato ne sappia nulla.)
Ma che valore può avere una tale designazione? Sono cariche in potere del blog Regalpetra o il blog a sua volta deve proporli ai commissari che a loro volta devono imporre o proporre ai diretti interessati? Ma questi nomi li propone il blog perché ha raccolto i suggerimenti dai lettori del blog? dai cittadini? al bar? Li propone in solitario il suo amministratore? Oppure ha consultato qualcuno e si è fatto consigliare?
Viene da chiedersi: è sufficiente la patente di giornalista, giornalista scrittore, poeta, presidente della Pro loco, saggista, presidente ARCI, Attrice amatoriale impegnata nel sociale, pittore, scultore, per essere le persone adatte per rinnovare la Fondazione o amministrare il Teatro o il Castello?
L’analisi e la proposta del blog Regalpetra rischiano di sortire l’effetto contrario, creare involontari bersagli alle giuste osservazioni oggi di Roberto Salvo e domani di chissà chi, di bruciarli insomma.
Volendo entrare nel merito delle valutazioni del blog Reglapetra, perché non confermare al teatro chi in passato ha dato prova, se l’ha dato, di lungimirante, virtuosa e disinteressata amministrazione?
Certo, ci sono rimasto male quando da neoassessore (maggio 2007) nel mettere piede al teatro ho letto sulla targhetta degli estintori la data di installazione: erano stati installati in occasione della “prima” apertura in pompa magna e non erano stati mai più ricaricati. Uno dei primi atti dell’amministrazione di cui ho fatto parte è stato quello di “ricaricare” gli estintori. Basta richiedere la documentazione e consultarla.
Siamo sicuri che alla Fondazione Sciascia saprà dare linfa nuova chi in passato non si è mai esposto per fare quelle osservazioni che oggi fanno i commissari su un ossequientissimo “foglio” cittadino, che oggi non difende quello che va difeso o perlomeno integrato, precisato, e ieri, più di dieci anni fa, attaccava chi faceva gli identici rilievi sollevati dai commissari di oggi? I commissari in fondo rappresentano l’aspetto esterno di quei principi che dovrebbero essere interiorizzati e guidare l’agire e il pensare di ogni cittadino.
Come mai nessuno ha raccolto l’osservazione avanzata da qualcuno, sul web, circa la non presenza e il non invito (sic!) del Direttore letterario della Fondazione Sciascia (da Sciascia voluto e designato, e manco racalmutese per essere sospettato di macchie collettive) in occasione dell’importante appuntamento del 24 luglio alla Fondazione con la presenza di ben tre ministri e tutto il resto?
Anzi, è accaduto un fatto gravissimo: all’autore della suddetta osservazione è stato indirizzato il seguente messaggio: Caro Prof. Pietro Carbone,
mi permetto di ricordarLe una massima di Anton Cechov:
"La signorilità non sta nel non versare la salsa sulla tovaglia, ma nel non mostrare di accorgersi se un altro lo fa. Anton Cechov”. 

Quanta letteratura! Che pensiero gentile! Preoccuparsi della mia signorilità!
Non ho voluto intendere la citazione come un "invito" al silenzio. Sarebbe terribile nel paese della “ragggione”.
Certo, se l’avesse letto Felice Cavallaro, si sarebbe molto indignato, come si indignò nel 1990 quando, in occasione del primo anniversario della morte di Sciascia, alcuni ragazzi che volevano distribuire davanti alla scuola media il loro “giornaletto” furono invitati a spostarsi un po’ più in là, dietro il cancello. Se ne accorse il corrispondente del Corriere della Sera, (ero presente alla scena), e apriti cielo! Come poteva consumarsi un atto di censura nel paese di Leonardo Sciascia? Questo interrogativo retorico pubblicato sul Corsera lavò l’offesa e fece la fortuna di quei ragazzi. La lavò tanto bene che all’ultimo importante evento della Fondazione sempre quello stesso “foglio” veniva distribuito in sala dallo stesso direttore, con qualche slalom tra gente seduta e gente in piedi.
Colgo l’occasione invece per ringraziare, sebbene dopo tanto tempo, Felice Cavallaro per la stima e la fiducia in me riposta quando, dopo avergli comunicato che in quanto assessore avrei fatto parte di diritto del cda della Fondazione, mi ha esortato: “Schiodali!”. Io non avevo da schiodare nessuno, ma ho colto il senso dell’augurio per la Fondazione e per il mio incarico, di spingere cioè la Fondazione ad un maggiore dinamismo! Ho cercato di fare quel che ho potuto, con spirito critico e propositivo, come si evince dai verbali delle sedute a cui ho partecipato. Su molte iniziative mi sono trovato in sintonia col vicepresidente e col direttore letterario.
Forse ho divagato. Ma non tanto. E comunque la “colpa” è di Roberto che mi fa auguri che non posso accettare. Anzi la colpa è mia per non avere risposto subito al post di Sergio Scimé, credevo che fosse stata sufficiente un’informale e amichevole telefonata per dissipare inopportune investiture. Magari speravo che lo facessero gli altri “investiti” dando per scontato che Sergio, memore della telefonata, includesse anche me al “no, grazie, in questo modo” degli altri.
Non posso pertanto ringraziare il tagliente e appassionato voltairiano Roberto per i suoi auguri visto che così scrive: “Comunquemente sia, voglio esternare i miei più sentiti auguri e congratularmi con tutti:  intellettuali, giornalisti e poeti, per le prestigiose investiture ricevute.”
Non lo posso ringraziare per la semplice ragione che non mi sento investito da nessuna investitura. Né voglio. E ho avuto modo di scrivere altrove in una analoga “discussione” il perché.
Credo che, al di là della designazione di questo o quel nome, al di là della disponibilità di questi o di quello, per il bene della collettività, della comunità, del paese o come si vuol dire si dica, di tutti insomma, credo vada affermato un metodo che serva ad aprire le porte piuttosto che a chiuderle.

Piero Carbone









Stampa il post

8 commenti:

  1. Roberto Salvo9 agosto 2012 10:06

    Grazie, amico mio. Oggi è una bellissima giornata!

    RispondiElimina
  2. Ottime osservazioni...ma come ha potuto pensare Scimè di imbrigliare piero Carbone, profondo conoscitore degli umori del paese, con una banale nomina virtuale. Una degenerante forma di populismo atta a captare la benevolenza di chi di tanto in tanto qualche frecciata ama lanciarla? Bho!!

    RispondiElimina
  3. Nel leggere il post di Piero Carbone, traspare l'impegno profuso, l'orgoglio del passato, la dignità che ne attesta l'UOMO. La delicatezza del suo essere
    Maria Luisa Corbo

    RispondiElimina
  4. Angelo Cutaia9 agosto 2012 20:41

    Piero, non sono mai stato designato da nessuno, né politico né blogger, mi devo preoccupare o, come penso, sto meglio nel mio buen retiro?

    RispondiElimina
  5. Se il "pubblico" lo identifichiamo sempre e comunque col "male" e allora non c'è scampo per nessuno, come avviene con il fumo, attivo o passivo che sia. Per designati e non designati. Se.

    RispondiElimina
  6. E' ferragosto; quand'ero ragazzo si cominciava a preparare un grande falò di stoppie in onore della Madonna di mezz'agosto, a mio padre restavano le chiuse pulite, cosi penso era per tanti altri. Pensiamoci al falò, non sulla spiaggia però, ma ognuno nella propria campagna e ai blog lasciamo il tempo per poter respirare altrimenti soffocheranno irrimediabilmente.Meglio prendere una granita al bar col fresco mattutino. Buone vacanze!

    RispondiElimina
  7. Proverbio dei nostri padri: Mentri lu lupu piscia, la piecura si fa la via. E viceversa. In versione moderna: Mentre ci prendiamo la granita, altri rilevano la gelateria.

    RispondiElimina
  8. Carissimo “sommo”, se Voltaire, Pascal e Petronio non fossero sufficienti, sono pronti a scendere in campo tanti altri personaggi illustri per difendere la gelateria.

    RispondiElimina